Podologia & Postura

Socialize

  • Facebook
  • Twitter

orthonixia

L’ortonixia (-orthòs = corretto / -onyx = unghia) è una metodica di correzione ungueale che consiste nell’applicare forze tangenziali alla lamina ungueale al fine di correggere e/o modificare la curvatura e la crescita di unghie soggette ad involuzione le quali sono responsabili di onicocriptosi (unghia incarnita) e onicofosi (callosità nel vallo ungueale).

Vi sono diverse tecniche ma di uguale principio che si preferiscono a secondo del grado di involuzione e  stato dell’unghia:

OMEGA: FILO ARMONICO IN CROMO VANADIO con diametro da 0.4 a 0.7 mm; si stabilizza con resina bicomponente di derivazione dentale ed è indicata per lamine particolarmente involute e spesse.

TITANIO: FILO IN TITANIO AD ELEVATA MEMORIA ELASTICA con diametro da 0.12 a 0.16 pollici; si stabilizza con resina foto-polimerizzante rapida ed è indicata per lamine non particolarmente involute. È un metodo più delicato per lamine non particolarmente involute e lamine ungueali sensibili.

B/S SPANGE: BARRETTA IN RESINA SINTETICA (NYLON) applicabile con colla di cianoacrilato. Caratterizzata di barrette di varia lunghezza applicabili direttamente sulla lamina. Indicato per gradi di involuzione lievi e su pazienti sensibili.
La buona riuscita dell’ortonixia è proporziona al grado di involuzione della lamina nonché alle possibili alterazioni funzionali a carico del piede di cui bisogna tener conto prima di intraprendere un percorso di rieducazione ungueale.